Articoli

La Finocchiona IGP alla IV edizione di “Food & Wine In Progress”

Stazione Leopolda – Firenze, 01 – 02 Dicembre 2018:

Il Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP parteciperà alla due giorni fiorentina dedicata alle eccellenze del territorio e sarà protagonista dell’“Experience” di domenica pomeriggio, il focus a cura di URCT – Unione Regionale Cuochi Toscani – che vedrà sette chef alternarsi nell’elaborazione di sette ricette a base di Finocchiona IGP. A seguire i suggerimenti di Ais – Associazione italiana Sommelier – per proporre l’abbinamento migliore.

I cuochi protagonisti dell’Experience sono: Leonardo Baldi, Manuel Boccuzzi, Elisa Masoni, Cristian Civale, Ferdinando Lorenzetti, Shady Hasbun, Mazzucato Argentina

“Siamo contenti di partecipare per la seconda volta a Food & Wine In Progress, evento di qualità e di grande successo – afferma Alessandro Iacomoni, presidente del Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP- Per noi è importante anche il target a cui si rivolge la manifestazione perché il Consorzio sta collaborando con i ristoratori per creare nuove ricette e far comprendere che la Finocchiona IGP è un prodotto versatile. Per questo abbiamo intrapreso una collaborazione con L’Unione Cuochi Toscani e l’ultimo esempio è il recente contest presso la Fondazione Zeffirelli dove due squadre di Chef, i Guelfi e i Ghibellini, si sono sfidati creando piatti gustosi e stimolanti”.

“Con Chef Shady – continua Francesco Seghi, direttore del Consorzio – la finocchiona è stata protagonista di un piatto creato dai ragazzi della scuola alberghiera Vegni di Cortona in occasione di una gara tra istituti alberghieri che si è svolta al FICO di Bologna. La Finocchiona IGP è stata scelta come eccellenza del territorio e cucinata insieme ad altre ingredienti locali. Noi crediamo molto nei giovani e facciamo del nostro meglio per promuovere la Finocchiona IGP anche tra gli chef di domani”.              

La Finocchiona IGP fa lezione di marketing e sale in cattedra all’università

Mercoledì 28 novembre Alessandro Iacomoni, presidente del Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP e Francesco Seghi, Direttore, terranno una lezione presso il Dipartimento di Scienze per l’economia e l’impresa dell’Università degli Studi di Firenze.

I temi che verranno trattati sono la Storia della Finocchiona IGP ed il marketing del Consorzio. Si parlerà di fiere, eventi, comunicazione, tutti i passi per vincere le sfide nella valorizzazione di un prodotto tipico.

Per chi volesse partecipare l’appuntamento è alle ore 10 – via delle Pandette 9 – Firenze – aula D5.003

Italia e Francia unite per festeggiare la presa della Bastiglia

Il 14 luglio la Regina dei salumi toscani porta il suo carattere a Palazzo Farnese

 

Il 14 luglio la Finocchiona Igp porta il carattere toscano a Palazzo Farnese e si unisce, per il terzo anno consecutivo, alle celebrazioni per la presa della Bastiglia. Eccellenze enogastronomiche francesi e italiane insieme per il consueto appuntamento presso l’Ambasciata di Francia a Roma fissato per sabato 14 luglio, in occasione della Festa nazionale francese.

 

“Siamo orgogliosi di continuare la collaborazione con  l’Ambasciata di Francia che ringraziamo per l’invito e per l’ospitalità – afferma Alessandro Iacomoni, presidente del Consorzio di tutela della Finocchiona IGP – Siamo felici di poter essere presenti insieme a tante altre eccellenze, sia italiane che francesi, e di poter mettere in evidenza la qualità delle nostre produzioni. Francia ed Italia sono tra i principali Paesi europei per il numero di prodotti registrati DOP e IGP: questo aspetto sottolinea l’importanza attribuita da entrambe le Nazioni alla cultura enogastronomica. Eventi e collaborazioni di questo livello sono ottimali per far conoscere e affermare le peculiarità delle DOP e delle IGP, ed in questo caso per far apprezzare la nostra Finocchiona IGP”.

Nel secondo semestre 2015 prodotti oltre 679mila chili di Finocchiona IGP

Oltre 679mila chilogrammi di Finocchiona IGP prodotta, per una stima di valore alla produzione pari a circa 5milioni e 400mila euro e di 9 milioni di euro al consumo. Sono questi i numeri che fotografano la produzione dello storico salume toscano nel secondo semestre 2015. Un semestre importante perché caratterizzato dalla “spinta” legata al riconoscimento dell’IGP, avvenuto lo scorso aprile. Sulla base di questi dati l’attuale proiezione annuale è stata innalzata ad oltre 1milione e 300mila chilogrammi. Arezzo, con oltre 281 mila chilogrammi, è la provincia dove si è prodotta più Finocchiona IGP, seguita da Siena, 254mila Kg e Firenze, 105mila Kg.

“Rispetto alla stima annuale di 1milione e 200mila – afferma Francesco Seghi, direttore del Consorzio di Tutela della Finocchiona – questi dati indicano, in proiezione, un aumento di 100mila chilogrammi di produzione. Un dato importante e molto incoraggiante perché significa che il mercato sta percependo positivamente la Finocchiona IGP e questo porta sulla stima annua un dato superiore rispetto a quanto avevamo previsto. Nel semestre appena concluso il trend è positivo, segno che il riconoscimento dell’IGP, la promozione ed il lavoro svolto dai produttori stanno dando i frutti sperati. Le aspettative per il nuovo anno sono positive e lavoreremo per continuare a migliorare, investendo risorse ed energie”.

“E’ con molto piacere – sottolinea Fabio Viani, presidente del Consorzio – che leggo i dati della produzione al 31 dicembre 2015, credo che tutte le aziende produttrici che a suo tempo hanno creduto nel Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP concordino con me e siano soddisfatte. E’ solo l’inizio del percorso che abbiamo intrapreso, c’è ancora molto da lavorare, sia nella comunicazione che nella promozione, ma se saremo decisi e motivati sarà più semplice raggiungere gli obiettivi, primo fra tutti promuovere e far conoscere a tutti la Finocchiona  IGP”.

Ricette

Nessun risultato

Spiacente, nessun articolo corrisponde ai tuoi criteri